GESTIONE IMPIANTI A BIOMASSE

Il teleriscaldamento è un sistema che consente di distribuire calore ad una o più utenze attraverso una rete interrata di tubazioni all’interno delle quali scorre acqua calda o acqua surriscaldata o vapore.
Il calore viene generato da una centrale termica alimentata da varie fonti energetiche (biomasse e fonti fossili per la copertura delle emergenze),

sostituendo in tal modo le normali caldaie presenti nei singoli edifici.
Ogni singolo edificio, attraverso degli appositi strumenti detti ‘scambiatori’, preleva il calore dalle rete di teleriscaldamento, per poi utilizzarlo per il riscaldamento degli ambienti e/o per produrre l’acqua calda sanitaria.

I vantaggi economici e ambientali assicurati da un impianto di teleriscaldamento alimentato a  biomassa possono essere così riassunti:
• risparmio in bolletta, grazie agli alti rendimenti dell’impianto;
• riduzione delle emissioni di CO2, grazie all’utilizzo di una fonte rinnovabile;
• utilizzo razionale e vantaggioso di biomassa di scarto;
• riduzione delle emissioni inquinanti, poiché un unico impianto centralizzato, dotato di avanzati sistemi di abbattimento dei fumi, prende il posto di molte singole caldaie spesso inefficienti;
• sicurezza e affidabilità della fornitura;
• assenza delle spese di gestione e manutenzione proprie degli impianti termici;
• benefici economici e occupazionali, con la creazione di nuovi posti di lavoro legati alla centrale e alla filiera energetica del biocombustibile.

 

 

Energia Elettrica prodotta in KWh
Energia Termica prodotta in KWh
CO2 Evitata - Tonnellate KWh